Considerato che le regioni (Epiro e Puglia) hanno una ricca eredità culturale consistente nei ponti costruiti in pietra, nel solco di una lunga tradizione di costruzioni in pietra per cui sono stati creati ponti, edifici, strutture e scultura utilizzando pietra dalla terra, le due regioni hanno registrato negli ultimi anni un rinnovato interesse per la tutale e valorizzazione dei monumenti tradizionali sia in Epiro e in Puglia a causa dei potenziali benefici dal afflusso di turismo. Questi materiali sono stati utilizzati per costruire molti dei ponti a Ioannina e Arta in Grecia e in Puglia in Italia.
Tutte le iniziative per preservare l’eredità culturale di questi monumenti sono state orientate principalmente verso lo sviluppo turistico generale delle regioni senza riconoscere davvero il valore storico, architettonico e culturale di ponti.
Pertanto, le due regioni hanno una ricca eredità culturale, nella costruzione di ponti in pietra perché in entrambe le aree costruzioni in pietra sono esistite fin dagli albori della civiltà con lo scopo di creare ponti, edifici, strutture e sculture con pietre dalla terra. Le costruzioni in pietra sia in Epiro e in Puglia hanno rappresentato l’eredità culturale comune delle due nazioni, mentre la pietra stessa, come risorsa naturale è stata la base dello sviluppo economico e culturale attraverso i secoli. Proprio i materiali lapidei sono stati utilizzati per costruire molti ponti di pietra di lunga durata a Ioannina e Arta in Grecia e la Puglia in Italia. La maggior parte di questi ponti di pietra non sono solo belli ma allo stesso tempo costituiscono meraviglie di ingegneria strutturale.
Pertanto, al fine di valorizzare  il ricco patrimonio culturale di costruzioni in pietra tradizionali come gli insediamenti e ponti, l’Unione Regionale delle Municipalità dell’Epiro e l’Unione Regionale delle Province Pugliesi hanno avuto approvata la presente proposta progettuale.

Gli obiettivi principali del progetto sono:

1) promuovere e preservare il patrimonio culturale delle due regioni;

2) scambiare le conoscenze architettoniche e storico di ponti di pietra promuovendo la cooperazione transfrontaliera e gli scambi;
3) promuovere e valorizzare ponti di pietra tradizionali, nell’ambito del turismo tematico con lo scopo di aumentare il numero di visitatori nelle regioni partecipanti.

I principali risultati del progetto saranno la configurazione e il funzionamento di due laboratori di ricerca (uno in Epiro e uno in Puglia) dove saranno organizzati vari workshops a dare operatività ai due centri di conoscenza e ricerca per la promozione dei ponti in pietra. Il progetto porrà particolare importanza all’organizzazione delle attività di rete transfrontaliere, quali conferenze e mostre. Inoltre, verrà sviluppato uno specifico e ben articolato portale culturale e turistico che ospiterà un museo on-line, biblioteca elettronica, piattaforma e-learning con una soluzione di mapping GIS.
Tra l’altro questo progetto si propone di aumentare il numero di visitatori complessivi per le regioni coinvolte del 15% entro la fine del progetto, così come aumentare la consapevolezza che circonda il valore storico e culturale di ponti in pietra. Inoltre, il progetto sarà realizzato in modo che le uscite ei risultati del progetto saranno auto-sostenibile dopo la fase di finanziamento del progetto è scaduto.
L’obiettivo principale del progetto proposto è quello di promuovere e di preservare il patrimonio culturale delle due regioni partecipanti rispetto alle costruzioni ponte di pietra. Entrambe queste regioni sono dotate di uno splendido paesaggio naturale, e quindi la combinazione di natura e bella architettura di pietra in grado di fornire un enorme potenziale per lo sviluppo di forme alternative di turismo. Più specificamente gli obiettivi del progetto sono identificati come segue:

  1. Registrare e classificare tutti i ponti in pietra nelle regioni di cui sopra, per quanto riguarda eventuali danni, la loro resistenza strutturale, così come la loro importanza storica e culturale;
  2. Migliorare la segnaletica e le indicazioni di navigazione dei ponti di pietra, in modo che possano essere facilmente accessibili per i visitatori;
  3. Promuovere e valorizzare ponti di pietra tradizionali, del perimetro di turismo tematico utilizzando i loro storici architettonici, nonché le caratteristiche culturali;
  4. Rafforzare la cooperazione transfrontaliera e gli scambi, così come aumentare il numero di visitatori delle regioni partecipanti;
  5. Promuovere materiali naturali (pietra) utilizzati nella costruzione, e per mostrare come l’uso della pietra si è sviluppata nel corso degli anni in un’opera d’arte;
  6. Informare il pubblico in generale come l’intervento umano e la natura possono fondersi armoniosamente;
  7. Promuovere la cooperazione transfrontaliera tra la Grecia e l’Italia nei settori delle arti e della cultura;
  8. Migliorare l’attrattiva delle regioni partecipanti e sviluppare meccanismi di sostegno strutturato allo sviluppo turistico delle aree;
  9. Facilitare lo scambio di conoscenze e competenze (rispetto ai ponti di pietra) a livello locale, regionale, e multi-nazionale.

Ai fini del raggiungimento degli obiettivi suindicati, le attività di censimento e mappatura territoriale dei ponti tradizionali di pietra, avviate su tutto il territorio pugliese, sia con riferimento alle caratteristiche storiche, ingegneristiche e architettoniche dei manufatti, sono state condotte ai fini di una dettagliata e innovativa catalogazione. Un’attività che ha prodotto un significativo ventaglio di risultati che non hanno precedenti sul territorio regionale e nazionale.
Tutto il materiale prodotto è stato inserito nel presente data-base che, avendo un profilo multidimensionale, costituisce un ampio contenitore sia di informazioni culturali e turistiche, sia di dettagli tecnici, ben fruibili dai beneficiari finali del progetto.
L’attività di sviluppo di tutti i contenuti analogici e digitali – raccolta di informazioni descrittive, supporti tecnici, sviluppo di supporti documentali (foto e video), nonché elaborazione di foto panoramiche (360°) e di rendering – è stata attuata nel rispetto di una metodologia predefinita condivisa con rappresentanti degli enti pubblici competenti in materia e con esperti del settore.
La gestione del data base sarà configurata in modo dinamico consentendo agli attori costituenti il network territoriale che ha sostenuto l’attuazione del progetto e a tutti i soggetti preventivamente registrati di poter chiedere l’inserimento di ulteriori e aggiornati dati sugli attrattori territoriali contenuti all’interno.

Since the regions (Epirus and Apoulia) have a long tradition of stone constructions creating bridges, buildings, structures and sculpture using stone from the earth with a rich joined cultural inheritance in stone bridges, in the past years there has been a revived interest in the preservation of traditional monuments in both Ipirus and Apoulia due to the potential benefits from the influx of tourism. For these stones, specific materials and formula constructions have been used to construct many of the long – lasting bridges in Ioannina and Arta in Greece and in Apoulia in Italy.
For this specific interest, PED and UPI have had approved proposal to implement strategic actions to support the alternative tourism.
In both areas stone constructions have existed since the dawn of civilization creating bridges, buildings, structures and sculptures using stone from the earth. The stone constructions in both Ipiros and Apoulia pinpoint to the common cultural heritance of both nations whereas the stone itself, as a natural resource, has been the basis of economic and cultural development through out the ages.
These materials have been used to construct many of the long–lasting stone bridges in Ioannina and Arta in Greece and Apoulian in Italy. Most of these stone bridges are not only beautiful but at the same time constitute marvels in engineering.

The key objectives of the project are:

  • to promote and preserve the cultural heritage of the two participating regions
  • to exchange architectural and historic knowledge of stone bridges by promoting cross-border cooperation and exchanges
  • to promote and exploit traditional stone bridges, in the scope of thematic tourism with the purpose of increasing the number of visitors to the participating regions.

The main outputs of the project will be the setup and operation two research workshops (one in Epirus and one in Apoulia). The workshops will operate under two Centers of  knowledge and research for stone bridges.

The project will place special importance on the organization of cross-border networking activities such as conferences and exhibitions. Furthermore a seperate output will be the  development of  a cultural and touristic portal that will host an online museum, electronic library, e-learning platform, as well as a GIS mapping solution.

Among others this project intends to increase the number of overall visitors to the involved regions by 15% by the end of the project, as well as increase awareness surrounding the historic and cultural value of stone bridges. Furthermore the project will be implemented so that the outputs and project results will become self-sustainable after the funding phase of the project has expired.

However so far any initiatives to preserve the cultural inheritance of these monuments have been primarily geared towards to the general touristic development of the regions without really recognizing the historical, architectural, and cultural value of bridges.

  • The main aim of the proposed project is to promote and preserve the cultural heritage of the two participating regions with respect to stone bridge constructions. Both of these regions are endowed with a beautiful natural landscape, and therefore the combination of nature and beautiful stone architecture can provide enormous potential for the development of alternative forms of tourism. More specifically the objectives of the project are identified as follows:

  1. To record and classify all the stone bridges in the aforementioned regions, with respect to possible damages, their structural strength, as well as their historical and cultural importance;
  2. To improve the signage and navigation directions of the stone bridges, so that they can be easily accessible for the visitors;
  3. To promote and exploit traditional stone bridges, in the scope of thematic tourism by utilizing their historic, architectural, as well as cultural characteristics;
  4. To enhance cross-border cooperation and exchanges, as well as increase the number of visitors to the participating regions;
  5. The promotion of natural materials (stone) used in construction, and to show how the use of stone has developed over the years into a work of art;
  6. To inform the general public how human intervention and nature can blend in harmoniously;
  7. To promote cross-border cooperation between Greece and Italy in the areas of arts and culture;
  8. To improve the attractiveness of the participating regions and to develop mechanisms for structured support in the touristic development of the areas;
  9. To exchange knowledge and expertise (with respect to stone bridges) at a local, regional, and multi-national level.

In order to achieve the above objectives, the census activities and territorial mapping of the traditional stone bridges, started throughout the Apulian territory, is based on historical characteristics, engineering and architectural artifacts, were conducted for the purpose of a detailed and innovative cataloging. An activity that has produced a significant advantage of results that are unprecedented on the regional and national territory.
All the material produced has been included in the present data base that having a multi-dimensional profile, constitutes a large container of cultural and tourist information, whether technical details, well usable by the final beneficiaries of the project.
The development activity of all analog and digital contents – collection of descriptive informations, technical supports, development of documentary media (photos and videos), as well as processing of panoramic photos (360°) and rendering – has been implemented in compliance with a shared predefined methodology with representatives of the competent public authorities in the field and experts in the sector.
The data base management will be configured dynamically by allowing to constituents actors territorial network that supported the implementation of the project and to all person previously registered to be able to request the inclusion of additional and updated information about territorial attractors contained within the area.

N Località Nome Ponte
Ambito Tematico
1 Monopoli Ba Ponte sul torrente Pagano Ponti Romani
2 Polignano Ba Ponte Borbonico Lama Monachile Ponti Romani
3 Polignano Ba Lama Monachile Ponti Romani
4 Canosa BT Sul Fiume Ofanto Ponti Romani
5 S.Agata di Puglia FG Località Palino Ponti Romani
6 Ascoli Satriano FG Sul Torrente Carapelle Ponti Romani
7 Deliceto FG Località Resega Ponti Romani
8 Lucera FG “Gallucci” Ponti Romani
9 Bovino FG Sul Fiume Cervaro Ponti Romani
10 Deliceto FG Località Cavallerizza Ponti Romani
11 Taranto TA Sant’Egidio Maria da Taranto Ponti Lungo La Costa
12 Gallipoli LE Giovanni Paolo II Ponti Lungo La Costa
13 S.Cesarea Terme LE Località Archi Ponti Lungo La Costa
14 Ugento LE Corso Annibale Ponti Lungo La Costa
15 Castrignano
del Capo LE
Papa Benedetto XVI Ponti Lungo La Costa
16 Otranto LE Degli Alimini Ponti Lungo La Costa
17 Gravina BA Acquedotto Romano Ponti Sulle Gavine E Sui Corsi D’acqua
18 Castellaneta TA Santa Lucia Ponti Sulle Gavine E Sui Corsi D’acqua
19 Palagianello TA S.Stefano Ponti Sulle Gavine E Sui Corsi D’acqua
20 Massafra TA Sulla Gravina Ponti Sulle Gavine E Sui Corsi D’acqua
21 Bitonto BA Santa Teresa Ponti Sulle Gavine E Sui Corsi D’acqua
22 Bitonto BA Del Carmine Ponti Sulle Gavine E Sui Corsi D’acqua
23 Spinazzola BT 21 Archi Ponti Sulle Gavine E Sui Corsi D’acqua
24 Minervino BT In Pierta e Mattoni Ponti Sulle Gavine E Sui Corsi D’acqua
25 Bisceglie BT Ponte Lama Ponti Sulle Gavine E Sui Corsi D’acqua
26 Cisternino BR Acquedotto Pugliese Ponti Sulle Gavine E Sui Corsi D’acqua
27 Villa Castelli BR Viadotto Dell’Impero Ponti Sulle Gavine E Sui Corsi D’acqua
28 Barletta BT Sulla Ferrovia Ulteriori 13 ponti
29 Celenza
Val Fortore FG
13 Archi Ponti Sulle Gavine E Sui Corsi D’acqua
30 Bitetto BA 3 Archi Ponti Ferroviari
31 Minervino BT Sulla Ferrovia Ponti Ferroviari
32 Castellaneta TA Ferroviario Ponti Sulle Gavine E Sui Corsi D’acqua
33 Palagiano TA Sul Fiume Lenne Ponti Sulle Gavine E Sui Corsi D’acqua
34 Conversano BA Ful Lago di Sassano Ponte Sul Lago
35 Noicattaro BA Ferroviario Ponti Ferroviari
36 Fasano BR Pezze di Greco Ponti Lungo La Costa
37 Castignano del Capo LE
Stradale Ponti Lungo La Costa
38 Santa Cesarea Terme LE
Fraula Ponti Lungo La Costa
39 Ostuni BR Acquedotto Ponte Acquedotto
40 Otranto Porto Badisco LE Arialdo Ponti Lungo La Costa

IN SINTESI

Entra Nel Data Base