Qualche cenno sull'argomento:

PONTE DI SANTA TERESA A BITONTO

È stato rilevato a Bitonto (BA) un ponte risalente alla metà del 1800 circa. Esso dista 500 metri dal centro cittadino ed è raggiungibile in auto, percorrendo via Solferino – Bitonto. La storia del ponte è densa di fascino in quanto agli inizi degli anni Trenta del XIX secolo, le Vallate di Santa Teresa e del Carmine erano attraversate da ponti a campata unica, integrati in lunghi terrapieni, su cui correva la sovrastruttura stradale. L’antico Ponte del Carmine era, infatti, collocato in prossimità del Convento dei Carmelitani ma, il primo ottobre 1846 una potente alluvione, carica di fanghi, piante e detriti, danneggiò irreparabilmente l’antico manufatto sulla Vallata del Carmine. Dopo aver rimodellato il terreno in prossimità delle strutture a costruirsi, Castellucci fece abbattere quanto rimaneva dei ponti precedenti, rialzò il piano stradale, realizzò argini integrativi e costruì i nuovi manufatti su fondazioni collegate da una potente piattaforma basamentale. Il risultato di questa duplice operazione è oggi osservabile nelle forme del Ponte del Carmine e del Ponte di Santa Teresa, costruiti in pietra calcarea su tre scattanti arcate semicircolari, poggianti su poderosi setti muniti di dispositivi frangiacque. Il ponte oggi è composto da tre arcate a tutto sesto ed è realizzato in conci di pietra calcarea. Sono presenti elementi decorativi come occhi di ponti e rostri o “tagliacque”. Le condizioni di sicurezza, come quelle di conservazione sono buone. È possibile raggiungere il luogo in auto e, una volta terminata la visita al ponte, si consiglia di ammirare il centro storico di Bitonto famoso in tutta la Puglia per il forte impatto suggestivo che possiede

BRIDGE OF SANTA TERESA IN BITONTO

The history of the bridge is full of charm: at the beginning of the 1830’s, the Santa Teresa and the Mount Carmel Valleys were crossed by single-span bridges, integrated into long embankments, onto which ran the road superstructure. The old Bridge of Mount Carmel was placed near the Carmelite Monastery but, on October 1846 a powerful flood, full of mud, trees and debris, damage beyond repair the ancient artefact by the side of Valley of Carmel.   Having reshaped the ground near the building structures, Castelluci ordered to break down what remained of the previous bridges, raised the road surface, erected additional banks and built the new artefacts on foundations connected and built the new artefacts on foundations connected by a powerful platform basement.  The result of this dual operation can be observed today in the forms of the Bridge of the Carmel and of the Saint Theresa Bridges, built in limestone on three sharp semi-circular arches, resting on retaining pillars with water dispersing devices. The bridge today consists of three full-span arches and is made of limestone ashlars. Decorative elements are present, such as the eyes of the bridges and rostra or “cutwaters”. Security conditions, such as conservation, are good. You can reach the site by car and, after a visit to the bridge, you should see the historic city centre of Bitonto, famous all over Puglia for its strong and impressive impact.

Visione 360°


Get Adobe Flash player

Schede Tecniche
Beni Culturali
Geolocalizzazione
Scheda Riepilogativa
Video
Video URL specified is not valid